mercoledì 23 aprile 2008

Resident Evil: Extinction

Terza puntata della saga dedicata ad Alice e all'Ubrella corporation.
Dopo la claustrofobica sede dell'azienda produttrice del virus che trasforma gli esseri umani in zombi e dopo la cittadina assediata dai soliti non morti, ecco che l'azione questa volta si sposta nel deserto.
L'ambientazione fa perdere quel senso di assedio che si aveva nei primi due film (specialmente nel primo) e si priva così dell'unica parte angosciante del film.
Adesso il mondo è popolato praticamente soltanto da zombi, ma i pochi superstiti possono vagare per il pianeta e scappare, senza confini architettonici che li possano in qualche modo ostacolare.
Alice ormai è una sorta di "supergirl" e i combattimenti ai quali prende parte sono oltremodo scontati.
Gli altri protagonisti sono solo delle comparse, di cui possiamo già immaginare la (truce) fine che li aspetta.
Il finale lascia presagire un ennesimo capitolo, ma se verrà realizzato non lo si sa ancora...speriamo che la Jovovich smetta i panni dell'eroina geneticamente modificata e torni a fare la gnocca (cosa che le riesce abbastanza bene).
Un film decisamente scialbo e privo di una qualsiasi idea originale, che scopiazza dai classici del genere horror-zombie e dalla playstation.



----------------
Mentre scrivevo stavo ascoltando: Ennio Morricone - 'A Fistfull Of Dollars' Suite
via FoxyTunes

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...